Info e Web Utility

Come risparmiare quando si acquista uno smartphone

Il mercato degli smartphone in Italia è un’entità in crescita ed in costante evoluzione. I vari trend sotto esame hanno visto incrementi per le vendite di Android e iPhone, ad esempio, che continuano a puntare verso l’alto da anni, quasi come fossero inarrestabili, come se una soglia massima non esistesse e pian piano si arrivasse ad avere sempre più dispositivi per ogni singola esigenza di ogni utente.

Ve lo immaginate? Un mondo fatto di utenti proprietari sia di iPhone che di Android vari e disparati, a discrezione del brand preferito. Viceversa, le vendite di telefoni Windows sono diminuite considerevolmente durante lo stesso periodo, aspetto che si è evidentemente riversato anche sulla quota di mercato di Microsoft che è scesa incredibilmente.

È interessante notare che stiamo assistendo anche a una crescente domanda di feature che si contrapponga ad un prezzo contenuto poiché i clienti cercano di trovare un’alternativa a basso costo agli smartphone moderni di fascia alta: ecco che dunque appaiono i vari Xiaomi e affini che irrompono nel mercato della telefonia smartphone e acquisiscono importanti fette di mercato.

Senza volerci adesso necessariamente addentrare nelle dinamiche che distinguono ciascuna casa produttrice, se sia meglio acquistare prodotti provenienti dalla Cina come Honor e Huawei o puntare al controbilanciamento dell’assistenza e delle garanzie offerte da Samsung ed affini, vogliamo fornire una lista di semplici modi in cui potete risparmiare quando acquistate un nuovo telefono.

10 modi per risparmiare sul nuovo telefono

Comprare online

Questa è una regola valida per tutti i mercati, con la maggior parte delle marche e dei rivenditori che ora riservano le migliori offerte online. Fintanto che ci si attiene a siti affidabili, è possibile beneficiare di promozioni esclusive e di importanti sconti online, anche potendo avere accesso a strumenti di confronto in tempo reale come Trovaprezzi.

Scambiate il vostro smartphone

C’è un numero crescente di rivenditori di smartphone che vi permettono di incassare un guadagno dal vostro vecchio telefono quando decidete di acquistare un nuovo dispositivo. Potreste provare a fare esplicita richiesta al rivenditore nella vostra zona da cui vi state recando, perché spesso quest’alternativa è possibile anche se non viene sponsorizzata.

Riceverete denaro contante per il vostro attuale telefono che potrà essere utilizzato per la spesa di quello nuovo, oppure più semplicemente e molto più probabilmente un buono d’acquisto valido solo qualora acquisterete il nuovo smartphone nello stesso negozio. C’è da dire che qualora sceglieste di prendere un telefono di fascia inferiore al vostro precedentemente posseduto, potreste effettivamente “scambiarlo” a costo zero.

Permutate il vostro telefono

Se il vostro telefono è un po’ più vecchio ed in condizioni non ideali, potreste anche prendere in considerazione la permuta. Ciò consente di risparmiare sull’acquisto di un nuovo prodotto con la differenza, rispetto alla modalità precedente, dell’ovvia svalutazione del vostro vecchio smartphone, poiché destinato non ad un mercato secondario dell’usato ma a una sorta di “rottamazione”.

Scegliete il sistema operativo adatto alle vostre esigenze

Questo è interessante perché gli smartphone sono corredati da sistemi operativi variabili a seconda della casa produttrice e delle feature di cui si necessita. Questi sistemi influenzano tutto, di consumi alle prestazioni, quindi fate la scelta giusta (di solito tra Apple e Android in un primo momento e tra le differenti versioni di Android in un secondo eventuale step) può aiutarvi ad avere risparmi concreti.

Ecco un esempio: scegliere di acquistare un telefono OnePlus perché abbiamo letto che la Ram assegnata sia di 8gb potrebbe essere secondario rispetto a tutte le funzionalità attive sulla fotocamera di un telefono Huawei, o viceversa.

Scegliete la tariffa saggiamente

Allo stesso modo è importante assegnare molto valore alla scelta della tariffa operatore. Naturalmente lo smartphone non serve soltanto ad essere figo, scattare foto e catalogare giochi e app, ma serve a comunicare e telefonare, andare sul web per fare ricerche ed usare il navigatore ed i servizi annessi: optare per una buona tariffa è cosa saggia.

Il fulcro della cosa è però un altro: sono infatti moltissime le compagnie che ormai affiancano alla stipula del contratto di telefonia anche la consegna del dispositivo, e stando ai dati dichiarati sui contratti è possibile avere lo smartphone desiderato ad un prezzo addirittura minore di quello che spendereste acquistandolo in un’unica soluzione; unica condizione: rispettare il contratto per tutta la sua durata e pagare il telefono in più rate mensili, i periodi sono generalmente variabili tra 24 e 30 mesi ma possono anche sforare questi limiti.

Acquistate un telefono direttamente dal produttore

Per quelli di voi che amano una marca particolare, dovreste prendere in considerazione l’acquisto di una nuova unità direttamente dal produttore. Ad oggi queste modalità sono disponibili davvero per pochi brand ed uno di questi è OnePlus; in questi casi vi consigliamo di non acquistare dai negozi rivenditori.

In via apparentemente opposta a quella del punto precedente vi è l’alternativa di acquistare non dagli operatori telefonici. Quando, come accennato prima, i termini contrattuali non siano al di sotto del prezzo di mercato pubblicizzato dal produttore stesso, saranno non in linea ma addirittura più alti, specialmente se si intende non stipulare il contratto sopracitato e si voglia acquistarlo con pagamento unico in un centro TIM/Wind/Vodafone/Tre e così via.

In questi casi sarà opportuno ricercare il rivenditore che lo commercializzi al prezzo più basso: Euronics, Eldo, Expert potrebbero essere tutte valide alternative.

Capire quando ottenere le migliori offerte

L’autunno è un periodo di intenso traffico nel mercato degli smartphone, in quanto solitamente vengono pubblicati gli aggiornamenti maggiori del sistema operativo da marchi come Apple, Sony e Samsung.

Questo, quindi, è il momento peggiore per cambiare il proprio telefono. Attendendo tra i 3 e i 6 mesi (e successivamente facendo shopping online come al punto 1), è possibile ricavare prezzi più bassi e contratti meno rigidi.

Non pagare per caratteristiche inutili

Abbiamo già in parte toccato questo aspetto, ma vogliamo e dobbiamo approfondirlo. Selezionando un telefono che rispecchi i vostri bisogni al 100%, potete risparmiare enormi somme di denaro sin dall’inizio.

Siete interessati alla fotocamera? Puntate al telefono con la migliore fotocamera che però sia leggermente carente sugli altri aspetti. Siete interessati alle prestazioni? Puntate ad uno smartphone che abbia una fotocamera un po’ più scadente ma un processore e una Ram pazzeschi.

I top di gamma sono telefoni eccezionali, ma spesso sono davvero troppo cari. Oltretutto a questi livelli le differenze in termini di prestazioni sono davvero minime e non saranno di certo i 2 giga di ram a fare la differenza o i 2 core del processore: scegliete il telefono che abbia la features di punta più affini ai vostri gusti e necessità, non divagate in mille funzionalità per giunta (probabilmente) inutili.

Avete accesso ad un programma familiare?

Alcuni operatori offriranno piani personalizzati ai clienti con famiglia a carico, consentendo agli utenti di risparmiare denaro al momento dell’acquisto o della stipula del contratto.

Questi vi permettono di pagare il valore del dispositivo in rate mensili ridotte come parte di un accordo di più anni se anche un altro membro della famiglia aderisce alla stessa offerta. Può essere una buona idea informarsi al riguardo se il telefono volete acquistarlo almeno in due nello stesso nucleo familiare. Queste offerte sono spesso valide anche abbinando i contratti per la telefonia fissa.

Dare priorità alla durata della batteria

Infine assicuratevi che lo smartphone selezionato offra prestazioni della batteria adeguate al vostro personale utilizzo del dispositivo, non tanto per il costo della ricarica (pressoché irrisorio) ma per l’eventualità di dover cambiare la batteria o mandarla in riparazione più volte per un uso smodato (e naturalmente tutto ciò ha un costo).

Dando priorità ad una durata della batteria lunga e ad una manifattura robusta, è possibile ottenere un reale beneficio nel rapporto qualità-prezzo ed annullare il rischio di investire in riparazioni future.

Tags