Sensore di movimento per bambini o baby monitor

- Tempo di lettura 5 minuti -

Un sensore di movimento per bambini o baby monitor può aiutare i genitori che si preoccupano molto per il proprio piccolo a dormire più serenamente la notte. Questo strumento può aiutarvi infatti a rilevare quando il bambino piange o si agita nella culla, in modo da sapere se è ora di mangiare o di un nuovo pannolino o se sta semplicemente mormorando nel sonno. I baby monitor possono essere dotati di un’ampia gamma di funzionalità extra, da un display video ad alta definizione alla connettività wireless con il tablet ed altri dispositivi. Considerate questo articolo come la tua guida su ciò su cui dovreste concentrarti per l’acquisto di un baby monitor adeguato.

Quanto costa un baby monitor

Un baby monitor può costare dai 20 ai 400 euro, quindi va da sé che il prezzo varia a seconda della funzionalità: i modelli che prevedono solo l’audio costano meno per esempio di quelli che offrono un servizio di video aggiuntivo. A loro volta poi, i modelli che si collegano con i telefoni, che offrono immagini ad alta definizione e che garantiscono altri tipi di collegamenti wireless costeranno anche di più.

I migliori sensori di movimento per bambini o baby monitor da acquistare online

A seconda delle funzionalità e della ricercatezza tecnologica utilizzata per la realizzazione del prodotto, la scelta di un baby monitor può spaziare tra una vasta gamma di soluzioni. Nella lista che segue vi mostreremo quelli che sono i baby monitor in assoluto più venduti su Amazon e che hanno ottenuto le migliori recensioni da parte degli utenti che li hanno acquistati prima di voi.

No products found.

Alcuni consigli veloci sui baby monitor e il loro acquisto

Per alcuni un baby monitor può sembrare una spesa inutile, specialmente se la casa è piccola e il bambino dormirà sempre a distanza ravvicinata. Scegliete sempre liberamente, in base a ciò che ritenete più giusto per voi e per la vostra famiglia. Tuttavia il nostro consiglio è quello di acquistare l’apparecchio indipendentemente da tutto, in quanto efficacemente sicuro e per certo capace di avvisarvi quando il piccolo è agitato.

Molti monitor funzionano su una frequenza di 2,4 GHz condivisa con altri dispositivi nella casa e con i vicini (telefoni cordless, ad esempio). I monitor con tecnologia DECT utilizzano una frequenza separata di 1,9 GHz che può significare meno interferenze di fondo. Molti monitor subiscono interferenze basate sul rumore di fondo, su come è costruita la casa o sulla portata della rete wireless domestica, quindi vi consigliamo di eseguire un buon test del monitor prima di gettare ricevute o imballaggi.

Tipologie di baby monitor

I baby monitor si distinguono tra loro, come già detto, per il tipo di funzionalità che offrono. I baby monitor solo audio vi consentono di ascoltare il bambino mentre dorme nella culla; essi si concentrano sulle sue grida e percepiscono al minimo il rumore di fondo, come quello di un condizionatore d’aria. Molti monitor audio includono un segnale luminoso, capace di allarmare anche visivamente il genitore, anche in caso di disattivazione del sistema audio. Poi ci sono i modelli che oltre alla funzione audio, prevedono quella video; questi modelli sono caratterizzati dalla presenza di un display su cui è possibile osservare cosa sta facendo il bambino oltre ad ascoltarne gli eventuali pianti. In entrambi i casi esistono modelli più avanzati che sono in grado di connettersi agli smartphone o ad altri dispositivi.

Caratteristiche chiave

Alcuni monitor per bambini includono straordinari componenti aggiuntivi, come la possibilità di controllare a distanza la temperatura nella stanza del bambino, o persino attivare musica o suoni rilassanti per far tornare il bambino a dormire. Sebbene questi siano certamente belli da avere, le caratteristiche essenziali elencate di seguito sono i principali fattori da considerare quando si confrontano i baby monitor per scegliere quale acquistare.

Tecnologia DECT

I monitor che utilizzano una tecnologia DECT usano una banda a bassa frequenza esclusiva per la comunicazione vocale, al contrario della banda di frequenza a 2,4 GHz, che viene comunemente utilizzata da altri dispositivi domestici come telefoni cordless, controller per videogiochi, dispositivi Bluetooth e dispositivi wireless. La tecnologia DECT garantisce un suono più chiaro che arriva dal monitor al ricevitore. Se considerate di acquistare un monitor audio analogico che non utilizza la tecnologia DECT, dovrebbe almeno essere in grado di consentirvi di scegliere tra diversi canali di frequenza, in modo da poter scegliere il segnale più chiaro disponibile.

Batterie ricaricabili

Poiché un baby monitor e i suoi componenti sono quasi sempre accesi è importante valutarne l’alimentazione e preferire un modello che possa ricaricarsi o che disponga di batterie ricaricabili, al fine di evitare di precipitarsi in appositi negozi ad acquistare batterie nuove spesso.

Ricevitori portatili multipli

Mentre la base del monitor da collocare nella stanza del bambino sarà fisso, il ricevitore viene spesso spostato e portato con sé in giro per la casa. Ancora meglio sono i modelli che vengono forniti con ricevitori extra in modo da poterli collocare anche in stanze separate. Disporne di molti vi permette anche di alternarli durante il tempo di ricarica di ognuno.

Tecnologia video per la visione notturna

Quando il bambino dorme in una stanza buia le immagini del video potrebbero non essere chiare come le vorreste, a meno che il monitor non abbia un display per la visione notturna. Preferite dunque un monitor con queste caratteristiche, capace inoltre di modificare l’intensità della luminosità a seconda delle occasioni.

Indicatore acustico luminoso

Alcuni baby monitor sono dotati di un indicatore acustico luminoso, in modo da poter monitorare visivamente il livello di rumore del suono prodotto dal bambino, anche quando il volume del ricevitore è basso o disattivato.

Sistema di attivazione del suono

Un baby monitor che accende il suo altoparlante solo quando viene rilevato un pianto non vi terrà svegli tutta la notte ad ascoltare il rumore ambientale, come il condizionatore d’aria nella stanza del bambino.

Consigli di sicurezza

Vi elenchiamo di seguito alcuni consigli per utilizzare il baby monitor nel modo più sicuro possibile:

  • nascondere i cavi di alimentazione;
  • tenere i cavi ad almeno un metro di distanza dalla culla per evitare rischi di strangolamento;
  • se montate una videocamera sul muro assicuratevi che i cavi siano fuori dalla portata del bambino;
  • non posizionare il monitor sopra o dentro la culla. Vero che potreste voler tenere il monitor il più vicino possibile al bambino, ma è più sicuro tenerlo fuori dalla culla e a diversi metri dalle sue mani in perenne esplorazione;
  • un monitor non può sostituire la supervisione di un adulto. Indipendentemente dal numero di funzioni iper tecnologiche con cui viene fornito un baby monitor è fondamentale comunque accertarsi di persone ogni tanto che il bambino stia dormendo o giocando tranquillamente.

Domande da porsi prima di acquistare un baby monitor

Un baby monitor può costare anche 20 euro per un prodotto audio di base, tuttavia i modelli più moderni e sofisticati – dotati di innumerevoli funzioni aggiuntive – dispongono di un prezzo sicuramente più elevato, in quanto le relative prestazioni saranno sicuramente più performanti. Vediamo di seguito quali sono le domande più importanti da porsi prima di acquistare il baby monitor più adeguato.

  • Di quanti ricevitori avete bisogno? Necessiate di una sola base nella vostra camera da letto per ascoltarla durante la notte, oppure disponete di una casa grande dove un ricevitore aggiuntivo potrebbe tornare utile in cucina o in soggiorno? Ci sono più piani in casa in cui sarebbero utili ricevitori aggiuntivi?
  • Di quanto sarà ampio il raggio del segnale? La confezione di ogni monitor vi dirà quanta area copre, ma questi numeri possono essere fuorvianti, specialmente quando ci sono muri più spessi, o il cablaggio della vostra casa interferisce con la frequenza. Una volta acquistato un baby monitor, provatelo per vedere quanto siete in grado di sentire le voci ed i suoni dalla stanza del bambino.
  • Lavorate da casa? Se pensate di essere spesso in chiamate di lavoro mentre il piccolo sonnecchia, un indicatore audio luminoso può consentirvi di monitorare il sonno pur mantenendo il volume del monitor disattivato. Le luci cambiano di intensità a seconda di quanto piange o grida il piccolo.

 

Ultimo aggiornamento 2024-07-14 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API