Arredo Giardino

Quali piante scegliere per il giardino

La scelta delle piante è uno dei passi più importanti in qualsiasi nuova progettazione o trasformazione del giardino. Le piante che scegliete dipenderanno da molti fattori, quali l’orientamento del vostro giardino, le relative dimensioni ed il tipo di terreno, nonché le vostre preferenze personali.

Ogni tipologia di giardino trae beneficio da uno schema di coltivazione ben eseguito, ed indipendentemente dai gusti e dalle esigenze, è possibile trovare in commercio piante in grado di soddisfarvi ed ottenere esattamente l’effetto desiderato.

In questo articolo evidenziamo i punti pratici da prendere in considerazione per iniziare a scegliere le piante per il vostro giardino.

Valutare lo spazio esterno

Iniziate con un metro a nastro, un pezzo di carta ed un righello e misurate le dimensioni del vostro giardino. Questo è un primo passo davvero importante che vi consente di prendere le decisioni giuste su scale, mobili, vasi ed aree da destinare al prato. Una volta che siete soddisfatti del design del giardino e possedete un piano su scala di dove desiderate impiantare le vostre piante coprendo quali dimensioni, potete dunque iniziare ad effettuare le scelte ed eseguire ordini accurati per l’acquisto delle stesse.

Tipologia di terreno

È possibile capire la tipologia di terreno mediante la valutazione di alcuni fattori. Se per esempio il rododendro e la camelia crescono bene nel vostro vicinato, allora è probabile che il vostro terreno sia ad acido pH neutro, quindi cercate le piante che hanno queste informazioni sull’etichetta. Potete anche acquistare semplici kit per il test del pH nei terreni che sono facili da usare e forniscono informazioni utili su cui basare il vostro schema di impianto.

I terreni sciolti, quelli che non riuscite a tenere stretti in una mano, sono generalmente sabbiosi, mentre quelli che si ammassano insieme sono d’argilla. Una volta che conoscete la tipologia di terreno, potrete selezionare le piante con più facilità ed essere maggiormente fiduciosi che cresceranno bene in virtù della vostra scelta accurata. Se trascorrete del tempo a selezionare accuratamente le piante, leggere le etichette e ricercare a fondo l’idoneità del tipo di impianto per il tipo suolo, verrete sicuramente premiati dal risultato finale.

Giardini rivolti a nord o rivolti a sud

Una volta studiato il vostro piano di impianto, considerate determinate piante per il vostro spazio, a seconda che si tratti di giardini rivolti verso nord o verso sud.

Esposizione a nord

  • Ortensia petiolaris
  • Sarcococca confusa
  • Mahonia variegata
  • Liriope muscari
  • Hosta variegata

Esposizione a sud

  • Agapanto
  • Allium
  • Erbe ornamentali
  • Salvia nemerosa
  • Pelargonio
  • Lavanda
  • Papaveri

Esposizione all’ombra

Nel giardino si possono formare due tipi di ombre di riferimento: una chiazzata di luce ed un’altra con tonalità di buio pesto, nonché altre possibili sfumature nel mezzo. Le piante che funzionano bene esposte a un’ombra media sono più comuni di quanto potreste pensare: ortensia, viburno, paeonia e persino alcune rose fanno parte della lista.

Le piante preferibili nelle zone caratterizzata da un’ombra densa e pesante sono invece molto più difficili da trovare e spesso non così attraenti: aucuba, vinca, felci e hosta meritano una menzione in tal senso. Daranno corpo allo spazio fornendo molta vegetazione anche in virtù delle dimensioni non di poco conto che possono raggiungere alcuni esemplari.

Spesso l’ombra va di pari passo con la secchezza, poiché i grandi alberi assorbono molta acqua e sostanze nutritive facendo sì che le aree sottostanti, quelle esposte all’ombra, finiscano per restare a secco.

Esposizione al sole

Le piante che amano incondizionatamente il sole sono ovviamente più numerose di quelle che vivono bene all’ombra e tendono genericamente ad essere quelle che hanno più colore. Se siete abbastanza fortunati da possedere un giardino che beneficia del sole tutto il giorno, cercate piante come lavandula, salvia, penstemon, rose, gerani, verbena ed erbe aromatiche, che saranno felici di poter restare sotto il sole battente del vostro giardino.

Come creare un impianto di successo

Tenete sempre presente la regola “pianta giusta nel posto giusto”; raggruppa le piante in tre o cinque gruppi per creare ampie strisce di colore. Non temete di riempire gli spazi vuoti con piante e fiori, sfruttando anche vasi, ringhiere e contorni del giardino. Le piante arricchiranno di dettagli il vostro spazio esterno donandogli fragranza e colore.

Giardini sempreverdi

È possibile creare dei giardini visivamente belli anche in inverno; un’alta percentuale di piante sempreverdi fornisce una spina dorsale per il vostro impianto e gli conferiranno lustro anche nei mesi più freddi. Le piante come il cornus che hanno steli invernali colorati sono ideali per questo tipo di risultato. Quando arrivano i mesi primaverili ed estivi più caldi, cercate di aggiornare vasi, ringhiere, contorni e cestini con fiori di stagione e bulbi primaverili come tulipani e narcisi per avere una bella spinta di colore all’inizio della primavera.

Lo stile a bassa manutenzione

Se dimenticate spesso di annaffiare il vostro giardino, scegliete piante che diano risultati efficienti, senza che richiedano di essere annaffiate troppo spesso: lavanda e pelargoni sono un’ottima scelta in tal senso, così come l’acetosella. Se siete principianti, invece, vi converrebbe desistere dalla scelta di rose in crescita, poiché sono notoriamente bisognose di un’alta e frequente manutenzione.

Tags