Arredo Casa

Come scegliere le porte per interni

La maggior parte delle porte per interni tra cui era possibile scegliere un tempo erano quelle caratterizzate da un’apertura a battente (totalmente opache, in legno, compensato o laccato), con una finitura di vetro o totalmente vetrate. Esse rimangono una delle opzioni più diffuse, sebbene le nuove tendenze e necessità abbiano ampliato la possibilità di scelta. In questo articolo vi daremo i consigli migliori per permettervi di scegliere ed acquistare la porta per interni più adeguata alle vostre esigenze e necessità.

Tipologie di porte per interni

Oltre alle tradizionali porte a soffietto, in commercio sono presenti vari modelli di porte per interni che possono adattarsi alle vostre esigenze specifiche, elenchiamoli di seguito.

  • Porte scorrevoli: le porte scorrevoli sono diventate una delle migliori alternative, soprattutto nelle piccole case. Grazie al loro sistema di apertura è possibile risparmiare anche un metro e mezzo quadro rispetto all’apertura di una porta convenzionale. È possibile usare le porzioni di muro risparmiate per installare dei mobili, appendere foto, quadri e così via.
  • Porte a battente filomuro: questi modelli di porte interne si aprono con lo stesso sistema di apertura delle porte tradizionali ma sono caratterizzate da forme pulite e da un design più all’avanguardia. Non hanno alcun tipo di  cornice e vengono perfettamente integrate e mimetizzate nella parete divisoria, soprattutto se sono verniciate dello stesso colore.
  • Porte a bilico: si tratta di uno dei modelli di porte più attuali, perfette per ambienti interni ed ingressi di casa in stile contemporaneo. Sono installate usando dei bulloni che vengono posti alle estremità.

5 aspetti da considerare

1. Budget: prima di tutto, pensate al budget di cui disponete. È importante chiedersi a tal proposito quante sono le porte interne che necessitate di sostituire, al fine di acquistarle tutte soltanto quando ne avrete la possibilità economica.

2. Stile: prima di scegliere le porte che preferite, date una classificazione allo stile di arredamento adottato nella vostra casa e restringete il campo ai design di porte che meglio si abbinano con esso. Alcune case sono molto fedeli ad un determinato stile e quindi è necessario fare attenzione alla scelta di infissi ed accessori che completino il quadro a dovere senza stonature.

3. Finitura: le porte interne aggiungono ulteriore attenzione al progetto di interior design della vostra casa in virtù della loro finitura. Sceglietela accuratamente.

4. Sicurezza: può essere importante solo in determinate circostanze, ma valutate bene se nella casa necessitate di specifiche precauzioni antincendio per le vostre nuove porte.

5. Affidabilità dei fornitori: per assicurarvi l’acquisto di porte da un rivenditore affidabile, cercate un’azienda affermata e verificate lo storico dei feedback dei suoi clienti.

5 passaggi da seguire per scegliere le porte

Selezionare il giusto stile di porta interna per la vostra casa non è poi così difficile. Ci sono molti fattori che entrano in gioco, ma quando restringete un po’ il campo, l’impresa vi sembrerà molto meno schiacciante.

1. Scegliere uno stile

Questo è il primo passo nella selezione delle porte interne. Scegliere uno stile determinerà la sensazione e l’aspetto che intendete fornire agli interni della vostra casa. Assicuratevi di prestare molta attenzione alla scala della stanza; la selezione di una porta eccessivamente decorata in un piccolo spazio sembrerà occuparla e soffocarla ulteriormente. Considerate porte da fienile, porte a scomparsa, porte olandesi, porte con cornice in vetro e porte a pannelli. La chiave è la coerenza, dev’esserci un’idea di flusso continuo verso gli spazi di collegamento.

Fattori da considerare nella scelta di uno stile:

  • A quale stanza è destinata la porta?
  • Che stile ha la casa?
  • Quanto sono alti i soffitti?
  • Di che materiale è il pavimento?

2. Scegliere in che modo la porta ruoti

Questo determinerà la posizione delle cerniere delle vostre nuove porte. Preferite che la porta oscilli nella stanza precedente o in quella successiva? In genere se si tratta di una camera da letto la porta si apre all’interno della stanza; se si tratta di uno spazio principale come un soggiorno la porta si dovrebbe spalancare. Pensate a come entrereste di solito in quella particolare stanza e cosa vi farebbe sentire più a vostro agio in tal senso.

3. Scegliere il materiale

Il materiale della porta non deve per forza corrispondere all’estetica della vostra casa, ma può anche essere un fattore determinante nella scelta dello stile della porta. Potete scegliere tra legno massello, legno MDF, vetro o altre soluzioni. Le porte in vetro sono consigliate per dispense e veranda, mentre le porte solide sono più adatte per camere da letto e bagni.

4. Scegliere il rivestimento

Le porte possono essere rivestite; anche un semplice involucro non complesso potrà far risaltare l’intera struttura. Il web offre migliaia di idee in tal senso.

5. Scegliere il colore perfetto

Scegliete un colore per la porta che si adatterà perfettamente all’arredamento di ogni stanza. Selezionando una tonalità neutra le porte interne si abbineranno allo stile della vostra casa in maniera più semplice e fisiologica. Nulla vi vieta di essere anche un po’ più audace e di selezionare un colore di maggior personalità come il blu, tipico del pop design.

Tags