Se vuoi metterti in proprio ma non sai da dove iniziare, non preoccuparti: non sei solo. Infatti, data la nuova realtà economica del nostro tempo e specialmente nel nostro Paese, più persone che mai hanno trovato che il “lavoro” che pensavano di fare nella vita in realtà non esiste. Altri sono giunti alla conclusione che preferirebbero creare da sé un lavoro che amano, costruito per adattarsi ai propri obiettivi di vita. Non importa quale sia la motivazione per essere il tuo capo, puoi iniziare oggi a prendere in mano le redini della tua vita e metterti in proprio.

Come mettersi in proprio

Qui di seguito analizzeremo insieme tutti gli step per mettersi in proprio e quali sono gli errori da non fare.

Trova l’azienda giusta per te

L’imprenditorialità è un termine ampio e, tecnicamente, puoi diventare un imprenditore in qualsiasi area. Tuttavia, dovrai scegliere un campo in cui lavorare e un’attività da avviare. Trova un’attività che non avrà solo successo, ma è qualcosa che ti appassioni e che ti consenta di investire quanto tempo vuoi nel tuo lavoro e che tu possa fare con passione e dedizione. L’imprenditorialità è un duro lavoro, quindi è una scelta giusta quella di concentrare la tua attenzione su qualcosa a cui tieni.

Determina se dovresti ricevere un’istruzione particolare a riguardo

Non è necessario avere alcun tipo di educazione universitaria per essere un imprenditore, almeno in teoria, ma ciò non significa che si debba ignorare del tutto l’istruzione. Se vuoi avviare un’azienda tecnologica, l’esperienza nel business, nella programmazione e nel marketing possono essere preziosi. Inoltre, alcune industrie richiederanno probabilmente un certo tipo di istruzione, come ad esempio il proprio studio legale o contabile.

Organizza la tua attività

Prima di iniziare la tua attività, devi avere un piano aziendale. Un Trova l’azienda giusta per te.

L’imprenditorialità è un termine ampio e puoi essere un imprenditore in qualsiasi area. Tuttavia, dovrai scegliere un campo in cui lavorare e un’attività da avviare. Trova un’attività che non avrà solo successo, ma è qualcosa che ti appassiona. L’imprenditorialità è un duro lavoro, quindi vuoi concentrare la tua attenzione su qualcosa a cui tieni.

Trova il tuo gruppo target / pubblico

Non tutte le aziende fanno appello a tutti. L’età, il sesso, il reddito, la razza e la cultura del gruppo target avranno un ruolo importante nel determinare dove aprire il negozio – o se è addirittura necessario avere un indirizzo fisico per il business o optare per qualcosa online. Cerca quale gruppo si adatta meglio al tuo modello di business, quindi aggiusta tutto per attirare quella fascia demografica.

Crea la tua rete

Mentre la rete è importante in tutti i campi, può essere la cosa più importante per gli imprenditori. La rete è come incontri altre persone che potrebbero avere abilità che puoi usare nella tua azienda. Puoi anche trovare potenziali investitori attraverso il networking per contribuire a far decollare il tuo modello di business. La tua rete può anche supportare la tua attività una volta aperta, aiutandoti a inviare nuovi clienti a modo tuo.

Vendi la tua idea

I consumatori vogliono prodotti, ma non sempre sanno quale prodotto scegliere. Il tuo lavoro come imprenditore è convincere le persone che qualunque cosa tu stia vendendo è la migliore opzione disponibile. Dovrai scoprire cosa rende unico il tuo prodotto e poi venderlo in base al valore aggiunto.

Mercato

Dovresti concentrarti sul marketing prima, durante e dopo l’avvio della tua attività. Potresti avere il miglior ristorante della città, ma nessuno lo visiterà se non sanno che esiste. Il marketing è complicato, ma se dovessi essere in grado di concentrare i tuoi sforzi di marketing sul tuo pubblico di destinazione. Ad esempio, i millennial potrebbero essere più propensi a vedere un annuncio sui social media piuttosto che su un cartellone in centro.

Esponi tutti gli obiettivi che hai e la tua strategia per raggiungere tali obiettivi. Questo piano è importante per coinvolgere gli investitori e misurare il successo del tuo business.

Vendi la tua idea

I consumatori vogliono prodotti, ma non sempre sanno quale prodotto scegliere. Il tuo lavoro come imprenditore è convincere le persone che qualunque cosa tu stia vendendo è la migliore opzione disponibile. Dovrai scoprire cosa rende unico il tuo prodotto e poi venderlo in base al valore aggiunto.

Gli errori da non commettere

Specialmente quando vogliamo metterci in proprio, dobbiamo muoverci con estrema attenzione e non dobbiamo commettere errori.

Come fai a sapere quali affari sono “giusti” per te? Esistono tre approcci comuni all’imprenditorialità:

Fai quello che sai: sei stato licenziato o vuoi cambiare lavoro? Guarda al lavoro che hai fatto per gli altri in passato e pensa a come potresti utilizzare quelle abilità e offrirle come i tuoi servizi o prodotti.

Fai quello che fanno gli altri: scopri altre attività commerciali che ti interessano. Una volta che hai identificato un’azienda che ti piace, emulala.

Risolvi un problema comune: esiste una lacuna nel mercato? C’è un servizio o prodotto che vorresti portare sul mercato? (Nota: questo è il più alto rischio dei tre approcci). Se scegli di farlo, assicurati di diventare uno studente e acquisire conoscenze prima di spendere soldi.

La pianificazione aziendale migliora le tue possibilità di successo

La maggior parte delle persone non pianifica, ma sappi che ciò ti aiuterà a raggiungere il mercato più velocemente. Un business plan ti aiuterà a ottenere chiarezza, concentrazione e fiducia. Un piano non deve essere più di una pagina. Mentre scrivi i tuoi obiettivi, le strategie e i passaggi di azione, il tuo business diventa reale.

Prova a porti le seguenti domande:

  • Cosa sto costruendo?
  • A chi servirò?
  • Qual è la promessa che sto facendo ai miei clienti e a me stesso?
  • Quali sono i miei obiettivi, strategie e piani d’azione (passaggi) per raggiungere tali obiettivi?

Comprendi le tue finanze personali e scegli il giusto tipo di capitale di cui hai bisogno per la tua attività

Come imprenditore, la tua vita personale e la vita lavorativa sono interconnesse.

Pertanto, avere una conoscenza dettagliata delle tue finanze personali e la capacità di rintracciarle e sapere come utilizzarle è un primo passo essenziale prima di cercare finanziamenti esterni per la tua attività. Questo è il motivo per cui consiglio di configurare i tuoi account personali in un sistema di gestione del denaro per semplificare questo processo.

Mentre stai creando il tuo piano aziendale, dovrai valutare il tipo di attività che stai costruendo e ciò che ne consegue, ossia: uno stile di vita (una minore quantità di fondi di avvio), un franchising (investimento moderato a seconda del franchising) o un business high-tech ( richiederà un investimento di capitale significativo). A seconda di dove cadi nel continuum, avrai bisogno di una quantità di denaro diversa per avviare e far crescere la tua attività, e importa quale tipo di denaro accetti.

Non sottovalutare l’importanza della partita IVA. Molti aspiranti imprenditori lo fanno, ed è una scelta decisamente sbagliata. Infatti, in questo caso sarà giusto armarvi di un commercialista e capire qual è l’opzione più giusta per voi. Dopo aver aperto una partita IVA, poi, non dimenticare di non sottovalutare anche i limiti imposti da quest’ultima. Informati bene su come funziona!